.
Annunci online

E-le-stelle-stanno-a-guardare
Ricordi, rimorsi, rimpianti... suggestioni, impressioni, riflessioni di una gatta psicopatica.


Diario


2 agosto 2007

L'ultimo giorno.

                                      


Le stragi per esplosione si assomigliano tutte: l'imprevedibile, il momento fulmineo dello scoppio, il non capire cosa sia successo, ma la dolorosa e vaga percezione che è qualcosa di terribile, di mai sperimentato e poi il sangue, le macerie, i soccorsi, il cercare i propri cari...  E le storie di dolore dei sopravvissuti e dei morti: ciascuna particolare, ciascuna unica, come uniche sono tutte le esistenze.
La ricostruzione, la memoria e troppo spesso, in Italia, la mancanza di giustizia.
 
La strage della stazione di Bologna però rimane la "mia" strage, non perché io o qualcuno che conoscessi ne sia rimasto coinvolto, ma per una di quelle sfuggenti congiunture del "Caso" che ti fanno essere altrove, quando era proprio lì che dovevi trovarti.
 
In quel periodo mi capitava di sostare di frequente nella sala di seconda classe della Stazione ferroviaria di Bologna, per attendere una coincidenza.
Un libro, la valigia, lì come tanti ad attendere un altro treno: uniti per quelle poche manciate di minuti e separati poi da altri binari.
Il mio mi avrebbe riportato ad un lavoro che svolgevo sulle Dolomiti.

Ero ritornata a casa per pochissimi giorni, ma il personale era scarso in quel periodo e mi telefonarono per chiedermi se potevo rientrare con un giorno di anticipo.  Accettai, anche se la cosa certo scombussolava i miei progetti e il 1 Agosto, poco dopo le dieci ero seduta in una sala d'aspetto affollata di viaggiatori, con lo sguardo abbassato sul libro, per restarmene tranquilla per i fatti miei.

C'era forse chi già stava preparando una valigia dal contenuto diverso da quello più o meno standard degli altri.  Nascosti da qualche parte, maneggiavano e sistemavano l'esplosivo con perizia, posizionavano il detonatore, regolavano l'ora...

Ignari, tutti noi prendemmo per mano il nostro destino e salimmo sul treno che ci portava via, in quel penultimo giorno.
                                                                                          


     
La mattina del 2 Agosto, altre persone, simili a quelle di sempre, presero il nostro posto, incoscienti che QUELLO era  L'ULTIMO GIORNO.

Facce, corpi, zainetti, valigie, voci uguali a quelli di ieri.  Sul volto dipinta la voglia di mare o la seccatura per una licenza finita troppo in fretta.
Bambini che ridevano schiamazzanti o facevano i capricci e quell'ultimo rimprovero, non sapendo che non avrebbe avuto il tempo per sorridergli di nuovo.
"Ancora qualche decina di minuti... E se uscissi a fare un giretto?  Ma no fa già troppo caldo, meglio starsene qui seduti, all'ombra ad ASPETTARE pazientemente".

La morte non se ne va in giro con un mantello e un cappuccio neri e la falce in mano: che amici troverebbe da portare con sé?  Lei si camuffa e oggi è vicino a uno o due giovani che fingono di dimenticare il bagaglio,  distrattamente:   è lì che si infila ad ASPETTARE,

anche lei senza fretta, il SUO momento:       


Potente lancia il suo richiamo: è un boato che si sente lontano, fuori dalla Stazione, nei bar dove la gente smette di bere il caffè e allarga le pupille, in ascolto...  In ascolto di un silenzio molto più spaventoso dello scoppio secco e del rombo rovinoso successivo, un silenzio brevissimo e interminabile.

E accorrono e chiamano soccorsi, perché dalla Stazione sale un inequivocabile grossa nube di fumo e si sparge ODORE di STRAGE.




            

Segnalo:   http://studenti.scuole.bo.it/5b5/progetto2004/stazione.htm

 
 

"Mi sono sentita volare in aria, ho visto tutto dall'alto. Poi mi sono ritrovata per terra, coperta di detriti, e un capannello di persone sopra di me. Mi dicevano: 'Stia tranquilla signorina, la tireremo fuori'. Ma quando mi hanno messo in barella ho gridato, perché faceva male. Ero con mio padre, e Sonia, mia cugina. Stavamo andando ad Ortisei. Dopo l'esplosione iniziai a gridare, a cercare Sonia. Ma il boato le aveva lesionato i timpani, e non mi sentiva. In quel momento ho pensato fosse morta. Mio padre ci cercava. Mentre lo faceva, gli hanno messo tra le braccia un bambino morto. Da quel giorno non è stato più lo stesso. Ha avuto diversi infarti. Dal 2 agosto la mia famiglia non è stata più quella di prima. Mi emoziono, ma ce la faccio a ricordare, ce l'ho fatta per 25 anni. Ce la faccio anche oggi".
                                              Rosa Rita Bertini, sopravvissuta alla strage di Bologna



"Cominciai a correre. Cadevo sui vetri, inciampavo nelle valigie delle persone, a terra un tappeto di oggetti abbandonati. Gridavo, chiamavo: “Patrizia! Sonia! Patrizia! Sonia!”. D’un tratto, dal vestito, riconobbi Patrizia, era per terra, stava bruciando…"

Le vittime sono Sonia, di anni 6 e la sorella Patrizia, di anni 18.





  

Dopo pochi mesi sono passata ancora dalla Stazione di Bologna, ma ho cercato di evitare di guardare dove per tante volte mi ero fermata, dove avrei potuto morire.

Quando tutto fu rimesso a "posto" trovai il coraggio di rientrare nella sala d'aspetto di seconda classe, così tristemente nuova.
Solo lo squarcio sul muro, chiuso da un vetro, erà lì testimone muto, spoglio e toccante. Accanto, la lapide con i nomi delle ottantacinque persone che il 2 Agosto 1980 avevano perso la coincidenza con la vita.

C'è scritto VITTIME DEL TERRORISMO FASCISTA, ma la questione strage di Bologna, come tante altre degli "anni di piombo", ha ancora troppe zone d'ombra, sulle quali forse non si poserà mai un limpido raggio di sole.
E' morto con il sorriso di chi, quel giorno d'estate, aspettava un altro treno, non quello dell'ultimo giorno.
 

                                  

                         Il mio pensiero, ogni 2 Agosto, per chi è partito senza di me.
                          _________________


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bologna strage ricordo destino testimonianze

permalink | inviato da gatta nera il 2/8/2007 alle 10:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 866107 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Parma
Politica
Società
Poesia
Spunti
Riflessioni
Storia
Articoli giornali
ARTE

VAI A VEDERE





"Oh Signora Threadgoode,
io mi sento troppo giovane

per essere vecchia
e troppo vecchia
per essere giovane!"
 
Fried green tomatoes
27 Dicembre 1991.


 

 "La donna nell'arte"

 

 

"Women in film"
 

 

Toutefois
l'amour vrai rare peut être,
il est moins ainsi que l'amitié vraie.

Per quanto
il vero amore possa esser raro,
lo è meno della vera amicizia. 

François Duc de La Rochefoucauld

 

 

 


 

 

 Non nascondere
il segreto del tuo cuore,
amico mio!
Dillo a me, solo a me,
in confidenza.
Tu che sorridi così gentilmente,
dimmelo piano,
il mio cuore lo ascolterà,
non le mie orecchie.
La notte è profonda,
la casa silenziosa,
i nidi degli uccelli
tacciono nel sonno.
Rivelami tra le lacrime esitanti,
tra sorrisi tremanti,
tra dolore e dolce vergogna,
il segreto del tuo cuore.

  Rabrindranath Tagore

                                     


    


    Le aleggiava sulle labbra
e le splendeva negli occhi
un sorriso tenero e radioso,
che pareva scaturire
dal cuore medesimo
della femminilità.

 
"La lettera scarlatta"
Nathaniel Hawthorne

 

 

                                               
 
                                                        
             Pierre Auguste Renoir
                 Spring bouquet, 1866


 
 


           

 

"Non permetterò a nessuno
 di mettermi in gabbia".


"Non voglio metterti in gabbia,
 io voglio amarti".

 

" E' la stessa cosa".



              
 

 

 

 


Sognare 

Fabia, sono Catullo.
Ti ricordi quando volevo baciarti
e non l'ho fatto?
Quando volevo toccarti
e non ho potuto?
Quando volevo portarti via
e me l'hanno impedito?
Ora ti sogno tutte le notti
e nessuno può farci nulla.

Da: Poesie d'amore
Enrico Galavotti

                                              
_______________________________________




Upgrade your email with 1000's of cool animations

Hanno alzato lo sguardo
a questo firmamento:


    


Adriana Libretti
Aidi
Aislinn
Ale (a destra)
Aleiorio
Alice
Alternativo 2
Amore di grafica - Kekkina
Anabasi
Animainviaggio
Annamarea - Anna Maria
Annie 80
Anelli di fumo - Sciltian
Ape_blog
Arciprete
Arraffagatto (Arfasatto-Serapione) - Elena
Attimo fuggente
Aurora 86
Barbarab
Baskerville *
Batlogreturns - Kia
Beppone
La casa di Beppone
Blue River - Mass(im)o
Bread & Roses - Simona
Broken clock
Calimero (Nuvolee)
Calma apparente - XaoS
Calzetta
Camera con vista - Claudia
Caravanserral (ex Il cavaliere
errante) - Nicola
Carezza invisibile - Irene
- ex BBMount
Carlo Rubboca *
Cat
Chiamami aquila
Coda di lupo - Gian Pietro
Concy 31
Cristiana G.
Darkismy
Devarim
Dimensione (distrattamente) Morgana - La bottega di spezie - Laura
Eleonora blog
Esperimento
Estrella Vanilla
Esseno - Giuseppe
Eta-beta - Gabriella
Ex Rastagirl- Dina *
Exit - Enrico
Exodus Raian - Mauro Dino *  (doppio link)
Fiore di campo - Gianna
Fort
Forum valdese
Fotogramma
Francesca01
Galarico
Garbage
Gatta randagia
Ghezzi Christian
Glitter my passion
Grillo (parlante)
Hellsnymph
Heartprocession
HeavenonEarth - Marco
Herzog_1
Il blog di Barbara
Il cavaliere errante - Nicola
Ile89 - Ilenia
Il gatto silver
Il laicista
Il laicista 2
Il pane e le rose - Aradia - Simona
ImPrecario
Io e lui - Susy
Ivan Jaacov Steinberger   *
Kurtz
La chiesa delle storie - Roberto
La donna che visse più volte
La mia nuova casa
Lapidaria
La rosa in più - Salvatore
La scrittura creativa - Francesca
Le silence de la musique
Liberi di essere
Lupo abruzzese - Giovanni
Maralai - Mario
Marcello *?
Mia Essenza
Mietta - Maria Antonietta
Mokella
Mostro Joe
My sweet gloom
Non lo dico
Note bianche
Ombra
Paolo
Paparazza
Passerotta
Pdecaspita - Pietro *
Peana
Penelope 1951 - Elena
Per sbaglio - Adriana
Petali di antehemis
Piccoli soli arancioni - Lia
Pink and dark elf
Punk princess
Pyperita
Raffaella Del Greco
Rosa bianca
Rumore di niente
Sabrina di Napoli
Sbriciolina
Senzanomealcuno
Senzapaura - Dyo(tana) - Nicoletta
Sinistra maldestra - Damiano
Skan's exexperiences
Specchio
Stefania 75
Testa bislacca - ex Senzapaura
Triton
Una perfetta stronza
Valigetta
Vedere oltre
Veglie
Vent mauvais
Vetro
Viler - Vito
Violetta Color - Futura3000
W la matematica - Sebastiano
Zemzem
Zlatan - Pino Giuseppe *
1dobby8 - Monica
2 stella a destra







Ivan Jacoov Steinberger

 



        

         Odùsseia 360°   e

Yahoo Answers Odùsseia




                           -  HOMOLAICUS
                           - Amici di Misurina

                           *Luce del mattino
                           *La rosa sul fiume


                          


 

_______________________________________

 


        


   Mi dà sempre un brivido
   quando osservo un gatto
 che sta osservando qualcosa
  che io non riesco a vedere.

       Eleanor Farjeon   




 

- Gatto amico
- Amore di gatto
- Gattomania (fusa)
- Gatti e Arte
- Gatti and gatti
- Gatti e non solo
- Gattivity
- Micimiao
- Miciolandia
- IDAG gatti
- 44 gatti
- Vita Gatta

 






 

  _______________________________________


 ________________________

 




        

 

     MARINA GARAVENTA

                 

    http://laprincipessasulpisello.splinder.com/

 

             

 

   

 

              

             Il disagio mentale

 

 



 immagine

         

 

___________________________

Le immagini inserite in questo blog
sono in gran parte tratte da Internet;
se la loro pubblicazione violasse
eventuali diritti d'autore, vogliate
comunicarlo a gattanera58@yahoo.it

___________________________

 

 

 

 

CERCA