.
Annunci online

E-le-stelle-stanno-a-guardare
Ricordi, rimorsi, rimpianti... suggestioni, impressioni, riflessioni di una gatta psicopatica.


Diario


27 gennaio 2009

Da una lettera.


http://www.strykowski.net/eng/Auschwitz/Auswitz_-_shoes_of_the_prisoners_-_photography_3434.php

Dalla lettera ad un recente amico ebreo-israeliano, residente a Tel Aviv.

[...] Stamattina ho pensato a te appena mi sono svegliata: è il 27 Gennaio, il Giorno della Memoria.

Mi sono informata, da brava ignorante qual sono e ho scoperto che è una istituzione molto recente. Chissà come mai io non ricordavo fosse stata riconosciuta in Italia nel 2000 e che quindi solo nel 2001 è stata la prima volta che anche la nostra nazione ha abbracciato tale iniziativa.

Sono nata nel 1958, in un paesino contadino, nel quale erano ancora molto vivi i racconti (e i rancori) nei confronti della dittatura, tredici anni dopo la guerra. I miei genitori, i nonni, la scuola, tutti ci hanno dipinto l'orrore fascista e soprattutto nazista. Ne sono stata molto toccata, ne sono tuttora sconvolta.


In Europa bruciava la guerra, ma soprattutto l'odio. Ho letto tanti libri sull'argomento: non riescono mai a farmi pensare: "Cose che già si sanno".

Non si può rimanere indifferenti.

Per questo credo che sia giusto e pedagogico che anche le generazioni che sono venute dopo si scontrino con l'angoscia della seconda guerra mondiale, con il suo drammatico epilogo in Giappone, con la ferocia di intere popolazioni istigate contro altre, con le brutture più spaventose... Anche se l'occhio vorrebbe non vedere e l'orecchio non sentire.

Ci sono cose che non si devono dimenticare, tanto più se esistono già gruppi di revisionisti della storia che le negano (compreso uno dei vescovi cattolici scismatici di Lefebvre, cui è appena stata revocata la scomunica, provocando un certo scandalo).

Immagino che certo tu o i tuoi figli non dimenticherete, essendo stata la vostra famiglia coinvolta personalmente, ma che anzi ogni giorno per voi sia "IL giorno della memoria".

Oggi ho visto per la prima volta Tel Aviv (Collina della Primavera) e sono rimasta stupefatta: è così grande, ariosa, tutta adagiata sulle rive del Mediterraneo...
E' così lontana dalle immagini che la televisione o internet o i giornali ci hanno riportato anche il mese scorso: guerra, bombardamenti su civili palestinesi a Gaza, attentati su civili inermi, magari su un autobus che li porta al lavoro...

La "questione arabo-israeliana" ha suscitato interesse in me fin da ragazza, ma non l'ho mai studiata a fondo e non ho mai preso una posizione precisa: non sarei in grado di farlo.

Quando frequentavo le elementari, il nostro maestro ci parlava di Israele come di un esempio di forza di volontà, di riscatto positivo; la lingua imparata dal nulla, i kibbutz, il doversi difendere da deserto e popolazioni ostili... Per me gli israeliani erano gli "ebrei" sfuggiti all'olocausto, erano i "buoni" contro i "cattivi" e provavo per loro molta ammirazione.

Ora mi rendo conto che israeliano ed ebreo non sono termini intercambiabili. Capisco anche che vennero commessi grandi pasticci politici in tempi passati e che ciascuna popolazione residente rivendichi - credendo di averne totale diritto - quello che ritiene essere il proprio territorio.

Penso che l'Europa soffra ancora di un certo senso di colpa nei confronti dell'olocausto che ha perpetrato o avvallato o del quale ha finto di non sapere e che il moderno Stato di Israele tragga vantaggio da questo, quando si accanisce su popolazioni martoriate.

Lo so che da lì viene anche il terrorismo, ma il dolore per un figlio innocente morto non è uguale per tutti?

Tempo fa avevo assistito in Tv ad un servizio giornalistico riguardante una comunità di israeliani e palestinesi che avevano fraternizzato proprio su questa base comune: avere avuto un lutto in famiglia. Quello che avrebbe dovuto scatenare l'odio reciproco, li aveva invece avvicinati.

E' una domanda retorica, mi rendo conto, ma... Perché gli uni e gli altri non sentono il dolore altrui come il proprio?

Questo discorso vale per ogni luogo della terra in cui si sono consumate guerre o faide simili: i morti del nemico valgono meno.

Mi interesserebbe che tu, da israeliano, mi raccontassi come si vedono e vivono le "cose" da lì, dall'interno.

Oggi comunque è il 27 Gennaio.
Basterà, negli anni che verranno, come monito per le generazioni future? Non lo so.
Intanto chiniamo il capo in memoria e omaggio a tutti i sopravvissuti e i martiri di quell'immane, terrifficante, lunghissimo delirio. [...]





Foto tratta da:
http://www.strykowski.net/eng/Auschwitz/Poland_-_Oswiecim_-_Holocaust_-_photos_3448.php



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. israele guerra olocausto ebrei palestinesi

permalink | inviato da gatta nera il 27/1/2009 alle 7:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Parma
Politica
Società
Poesia
Spunti
Riflessioni
Storia
Articoli giornali
ARTE

VAI A VEDERE





"Oh Signora Threadgoode,
io mi sento troppo giovane

per essere vecchia
e troppo vecchia
per essere giovane!"
 
Fried green tomatoes
27 Dicembre 1991.


 

 "La donna nell'arte"

 

 

"Women in film"
 

 

Toutefois
l'amour vrai rare peut être,
il est moins ainsi que l'amitié vraie.

Per quanto
il vero amore possa esser raro,
lo è meno della vera amicizia. 

François Duc de La Rochefoucauld

 

 

 


 

 

 Non nascondere
il segreto del tuo cuore,
amico mio!
Dillo a me, solo a me,
in confidenza.
Tu che sorridi così gentilmente,
dimmelo piano,
il mio cuore lo ascolterà,
non le mie orecchie.
La notte è profonda,
la casa silenziosa,
i nidi degli uccelli
tacciono nel sonno.
Rivelami tra le lacrime esitanti,
tra sorrisi tremanti,
tra dolore e dolce vergogna,
il segreto del tuo cuore.

  Rabrindranath Tagore

                                     


    


    Le aleggiava sulle labbra
e le splendeva negli occhi
un sorriso tenero e radioso,
che pareva scaturire
dal cuore medesimo
della femminilità.

 
"La lettera scarlatta"
Nathaniel Hawthorne

 

 

                                               
 
                                                        
             Pierre Auguste Renoir
                 Spring bouquet, 1866


 
 


           

 

"Non permetterò a nessuno
 di mettermi in gabbia".


"Non voglio metterti in gabbia,
 io voglio amarti".

 

" E' la stessa cosa".



              
 

 

 

 


Sognare 

Fabia, sono Catullo.
Ti ricordi quando volevo baciarti
e non l'ho fatto?
Quando volevo toccarti
e non ho potuto?
Quando volevo portarti via
e me l'hanno impedito?
Ora ti sogno tutte le notti
e nessuno può farci nulla.

Da: Poesie d'amore
Enrico Galavotti

                                              
_______________________________________




Upgrade your email with 1000's of cool animations

Hanno alzato lo sguardo
a questo firmamento:


    


Adriana Libretti
Aidi
Aislinn
Ale (a destra)
Aleiorio
Alice
Alternativo 2
Amore di grafica - Kekkina
Anabasi
Animainviaggio
Annamarea - Anna Maria
Annie 80
Anelli di fumo - Sciltian
Ape_blog
Arciprete
Arraffagatto (Arfasatto-Serapione) - Elena
Attimo fuggente
Aurora 86
Barbarab
Baskerville *
Batlogreturns - Kia
Beppone
La casa di Beppone
Blue River - Mass(im)o
Bread & Roses - Simona
Broken clock
Calimero (Nuvolee)
Calma apparente - XaoS
Calzetta
Camera con vista - Claudia
Caravanserral (ex Il cavaliere
errante) - Nicola
Carezza invisibile - Irene
- ex BBMount
Carlo Rubboca *
Cat
Chiamami aquila
Coda di lupo - Gian Pietro
Concy 31
Cristiana G.
Darkismy
Devarim
Dimensione (distrattamente) Morgana - La bottega di spezie - Laura
Eleonora blog
Esperimento
Estrella Vanilla
Esseno - Giuseppe
Eta-beta - Gabriella
Ex Rastagirl- Dina *
Exit - Enrico
Exodus Raian - Mauro Dino *  (doppio link)
Fiore di campo - Gianna
Fort
Forum valdese
Fotogramma
Francesca01
Galarico
Garbage
Gatta randagia
Ghezzi Christian
Glitter my passion
Grillo (parlante)
Hellsnymph
Heartprocession
HeavenonEarth - Marco
Herzog_1
Il blog di Barbara
Il cavaliere errante - Nicola
Ile89 - Ilenia
Il gatto silver
Il laicista
Il laicista 2
Il pane e le rose - Aradia - Simona
ImPrecario
Io e lui - Susy
Ivan Jaacov Steinberger   *
Kurtz
La chiesa delle storie - Roberto
La donna che visse più volte
La mia nuova casa
Lapidaria
La rosa in più - Salvatore
La scrittura creativa - Francesca
Le silence de la musique
Liberi di essere
Lupo abruzzese - Giovanni
Maralai - Mario
Marcello *?
Mia Essenza
Mietta - Maria Antonietta
Mokella
Mostro Joe
My sweet gloom
Non lo dico
Note bianche
Ombra
Paolo
Paparazza
Passerotta
Pdecaspita - Pietro *
Peana
Penelope 1951 - Elena
Per sbaglio - Adriana
Petali di antehemis
Piccoli soli arancioni - Lia
Pink and dark elf
Punk princess
Pyperita
Raffaella Del Greco
Rosa bianca
Rumore di niente
Sabrina di Napoli
Sbriciolina
Senzanomealcuno
Senzapaura - Dyo(tana) - Nicoletta
Sinistra maldestra - Damiano
Skan's exexperiences
Specchio
Stefania 75
Testa bislacca - ex Senzapaura
Triton
Una perfetta stronza
Valigetta
Vedere oltre
Veglie
Vent mauvais
Vetro
Viler - Vito
Violetta Color - Futura3000
W la matematica - Sebastiano
Zemzem
Zlatan - Pino Giuseppe *
1dobby8 - Monica
2 stella a destra







Ivan Jacoov Steinberger

 



        

         Odùsseia 360°   e

Yahoo Answers Odùsseia




                           -  HOMOLAICUS
                           - Amici di Misurina

                           *Luce del mattino
                           *La rosa sul fiume


                          


 

_______________________________________

 


        


   Mi dà sempre un brivido
   quando osservo un gatto
 che sta osservando qualcosa
  che io non riesco a vedere.

       Eleanor Farjeon   




 

- Gatto amico
- Amore di gatto
- Gattomania (fusa)
- Gatti e Arte
- Gatti and gatti
- Gatti e non solo
- Gattivity
- Micimiao
- Miciolandia
- IDAG gatti
- 44 gatti
- Vita Gatta

 






 

  _______________________________________


 ________________________

 




        

 

     MARINA GARAVENTA

                 

    http://laprincipessasulpisello.splinder.com/

 

             

 

   

 

              

             Il disagio mentale

 

 



 immagine

         

 

___________________________

Le immagini inserite in questo blog
sono in gran parte tratte da Internet;
se la loro pubblicazione violasse
eventuali diritti d'autore, vogliate
comunicarlo a gattanera58@yahoo.it

___________________________

 

 

 

 

CERCA